ming

Commenti di ming:

  • Inserito il 05-04-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Wu ming significa "Senza nome" in cinese. Il 4 sta a indicare che sono il quarto membro di un collettivo di scrittori che si chiama appuntio Wu Ming.

  • Inserito il 05-04-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    I fabiani esistevano, Sophie. Forse qualcuno che si definisce così esiste ancora, ma non sono certo tanti. Grazie per il commento!

  • Inserito il 05-04-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Mi spiace per te. Sì, forse è un romanzo un po' contorto. Grazie per i consigli. Ma, sinceramente... sei sicuro di averlo letto tutto?

  • Inserito il 29-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Peccato non ti sia piaciuto. Se non ti entusiasmava avresti anche potuto lasciarlo lì. Nessuno dovrebbe essere costretto a leggere i libri che non gli piacciono. Wu Ming 4 è uno pseudonimo. Io non sono cinese! Ciao.

  • Inserito il 20-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, lo prendo come un augurio. Speriamo.

  • Inserito il 20-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie Giu. Ariadne è anche il mio personaggio preferito.

  • Inserito il 15-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    "I libri per bambini dovrebbero finire sempre con un lieto fine". Però sarebbero poco veritieri, non trovi? Nella vita le storie non vanno sempre a finire bene. Ciao!

  • Inserito il 15-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi no, dài, Lamberjack, solo un macchia...sempre la stessa, poi... ;-) Per fortuna ti è piaciuto lo stesso!

  • Inserito il 15-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Perfetto, chitarra. Se quel libro ti piace, allora ti consiglio anche "Cinque Bambini e la Cosa". Stessa autrice e stesso editore. Ciao!

  • Inserito il 15-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi, Tom, grazie davvero di cuore, ma allora permettimi un appunto: il nickname non ci azzecca con l'icona che usi. Bombadil non portava l'elmo di Turin... ;-)

  • Inserito il 15-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Bravissima, Ninetta. E grazie per l'impegno nella rilettura. :-)

  • Inserito il 15-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', Luke, per fortuna ci sono comperte sotto cui nascondersi, allora... :-D Grazie!

  • Inserito il 15-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ti ringrazio, anche se forse il tuo commento è un po' eccessivo. Speriamo nel "successo straordinario" :-)

  • Inserito il 15-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi, aquila, aspetta di arrivare alla seconda parte, poi mi dici, ok? Ciao.

  • Inserito il 07-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sai, cartina, forse non l'ho scritto per i ragazzi. Infatti qualcuno di voi lo trova noioso. Come te. Diciamo che l'ho scritto e basta, come mi veniva. Un po' è per ragazzi e un po' è per adulti.

  • Inserito il 07-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Nessun problema, Thomas. I gusti sono gusti.

  • Inserito il 07-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Thank you, gipsyLove. Love!

  • Inserito il 07-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Esagerata! L'ispirazione non viene mai da una cosa sola. Nasce dal collegamento che la tua mente fa tra varie cose: un libro, un film, una notizia, una cosa che ti è successa. Il Piccolo Regno è il frutto di questi collegamenti. Grazie. Ciao!

  • Inserito il 07-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Troppa paura? Mi spiace. Ma anche la paura rende avvincente una storia, forse. Qui i lettori si dividono tra quelli che l'hanno trovato noioso e lento e quelli che l'hanno trovato pauroso e avvincente. Niente mezze misure. Ma sai, penso che la letteratura debba essere proprio così. Divisiva. Un parolone. Te la può spiegare la ammma o la maestra. A presto!

  • Inserito il 07-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Fefa, è vero che il ritmo del racconto è in crescendo. Sono contento che tu gli abbia dato fiducia e sia arrivata in fondo. Ciao.

  • Inserito il 07-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Eh, però se facevo morire il protagonista non poteva essere lui a raccontare la storia. Ned era il candidato perfetto, fidati! Comunque premessa ed epilogo sono per la gente alta. Alla tua età si potrebbero anche saltare.

  • Inserito il 07-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, ali del vento.

  • Inserito il 07-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, mister. anche a me piace rileggere i libri ogni tanto. Ciao!

  • Inserito il 07-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non lo so, Micky. Bisogna vedere se mi vengono delle idee altrettanto buone... :-)

  • Inserito il 04-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    "Mi è piaciuto tanto" va benissimo. Grazie.

  • Inserito il 03-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Cellulari, computer e tablet sono molto belli. E utili anche. E anche i giochi e le avventure all'aperto lo sono. La differenza è che i giochi all'aperto si sono sempre fatti e probabilmente sempre si faranno. Sono qualcosa di più universale di un computer.

  • Inserito il 03-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', non è stato proprio lo spettro a ucciderlo, in effetti. Ned muore in un incidente in moto, cercando di non investire dei bambini. Si sacrifica, in un certo senso. Ed erail candidato perfetto per questo.

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie Ele. Il Piccolo Regno è una storia mia, nel senso che non l'ho condivisa con nessuno mentre la scrivevo. E soltanto i commenti che ho letto qui su questo blog mi hanno convinto che ho fatto davvero bene a scriverla. :-)

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Io continuerei anche...ma non so se mi vengono altre idee altrettanto buone :-/

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie a te, Vonka. Credo che hai descritto bene il misto di paura e voglia di proseguire la storia che speravo prendesse i lettori.

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie della sincerità Giuggiola. E anche di avermi alzato il voto da 2 a 4. Troppo gentile! :-)

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ti rivelo un segreto anch'io, ritmicaadele. In questo momento nemmeno io ho un'idea per fare un libro. E invece dovrei porprio scriverlo. Capita a quelli che stanno cominciandp, come te, e capita a quelli che hanno cominciato a scrivere già da un pezzo, come me. Quindi non ti preoccupare. Hai un grande vantaggio rispetto a me: hai un sacco di tempo. Grazie per la condivisione delle tue emozioni.

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Mi dispiace, ledrovalley, ma è così. Alla fine muoiono tutti. E' nell'ordine delle cose. Coraggio.

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    "Se ogni libro fosse fatto così non smetterei mai di leggere." Se tutti i miei libri ricevessero giudizi come questo io non smetterei mai di scrivere. Grazie.

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sai, Coldice, forse la Gente Bassa potrebbe saltare la Premessa e l'epilogo. La storia funzionerebbe lo stesso, e sarebbe un poco meno triste. Consiglialo agli amici a cui lo regalerai. Ciao.

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Pineapple, mi confermi che le scelte narrative che ho fatto sono state azzeccate. Ciao!

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Scusa, Dolcinote...di Ledro :-)

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    No, non ho mai visto uno spettro, mi spiace. Ho lavorato con la fantasia. Alla fine faccio morire tutti, perché è il destino di tutti, non per altro. ;-)

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    La storia è di fantasia. Alcune situazioni mi sono capitate, tipo scappare da un cane inferocito... O semplicemente trascorrere delle estati con i cugini o gli amici in luoghi di villeggiatura... PEr il resto mi sono fatto ispirare dalle cose che ho letto.

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, Ledro, ma sono un solo autore questa volta. Aspetto.

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    ;-)

  • Inserito il 02-03-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie Giorgia dell'apprezzamento. L'idea l'ho presa da varie storie. Innanzi tutto dal ritrovamento di una tomba sotto un tumulo in Ignhilterra nel 1939. Se cerchi su Google "Sutton Hoo" vedi anche la mascehra del guerriero. Poi dal Signore degli Anelli, dove c'è uno spettro dei tumuli. L'ambientazione da alcuni romanzi per ragazzi scritti un secolo fa. E il fratello fantasma... be' quello mi è venuto in mente per una cosa che mi è successa e mi ha acceso una lampadina... :-)

  • Inserito il 22-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Perché non lo so! :-) La verità è che preferisco che ognuno gli dia il nome che vuole, così può affezionarcisi di più. Ciao!

  • Inserito il 22-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, Super, anche meno... :-) Non ti devi scusare, l'abito non fa il monaco e tanto basta. Sono contento che il libro ti sia piaciuto.

  • Inserito il 22-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Oh, ti assicuro che altri mi sono usciti peggio. Ma sono soprattutto romanzi per la gente alta, non adatti a ragazzini. Insieme ai miei soci ho scritto due raccolte di racconti per bambini, non so se le potresti trovare di tuo gradimento. Si intitolano "Cantalamappa" e "Il ritorno dei Cantalamappa". Ciao.

  • Inserito il 22-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Wu Ming significa "anonimo" in cinese. E il 4 significa che io sono il quarto membro del gruppo Wu Ming. Ciao!

  • Inserito il 22-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, Mimi, poi se hai tempo mi spieghi cosa intendi quando dici che il libro ti ha fatto capire cosa significa "gioco di squadra". Grazie. Ciao!

  • Inserito il 22-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie Mary Cam. E' un bel giudizio, e non importa che il libro non sia tra i tuoi preferiti. Ciao.

  • Inserito il 22-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Scusa, Robij, tua sorella per caso è un po' più grande di te?

  • Inserito il 22-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Bibbia. Ti confesso che mi stupisce non poco questo tuo giudizio, dato che il 9 dicembre scorso hai scritto qui in un commento: "Caro Federico, sono ancora io, ti volevo dire che finalmente ho trovato in biblioteca il tuo libro, e l'ho finito in 4 giorni, da quanto era bello. Ti volevo solo scrivere che merita davero un premio." E hai aggiunto: "Permettimi di ringraziarti per aver scritto un bellissimo libro come questo". Infine hai concluso: "Ancora complimenti per la tua magnifica opera. Ciao BIbbia Parlante." E' vero che si può cambiare idea, eh, ma i casi sono due: o hai finito di leggere il romanzo "in 4 giorni da quanto era bello" oppure per te è stato noioso e lento e adatto ai vecchietti. A me stanno bene entrambe le cose, però forse tu dovresti trovare un giudizio un poco più saldo, che dici? Ciao!

  • Inserito il 15-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Lollipop. Grazie della bella recensione !

  • Inserito il 15-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    No, non lo è. E' un gioco infantile, infatti. Ah, e il libro non è horror. Forse appena un poco. Anche se a qualcuno ha fatto paura.

  • Inserito il 15-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', ti sembrerà strano, cuoca, ma invece ci ho messo sia il cuore sia l'anima. E se non ce li avessi messi non mi sarei nemmeno impegnato.

  • Inserito il 15-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non devi mica scusarti. I gusti sono gusti. Ciao!

  • Inserito il 15-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    È una bellissima intenzione, Ale. Grazie.

  • Inserito il 15-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non lo so neanch'io, mi dispiace!

  • Inserito il 15-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie Paperino. La chiusura della tua recensione è uno spot efficacissimo ;-)

  • Inserito il 15-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Però passi le vacanze estive con i tuoi cugini in campagna. È fantastico!

  • Inserito il 15-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Bene. Almeno alcune parti ti sono piaciute! :-)

  • Inserito il 15-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, cucciolo. Prova con "Cantalamappa" e "Il ritorno di Cantalamappa".

  • Inserito il 15-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non voglio lasciarti nel dubbio, Lepre. È che proprio non lo so. Altrimenti l'avrei scritto. Ciao!

  • Inserito il 15-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Per ultimo va benissimo. Dulcis in fundo.

  • Inserito il 15-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non è tanto che il fantasma si faccia vedere soltanto dal bambino, quanto piuttosto il bambino che è l'unico a vederlo. Perché i fantasmi sono nella nostra mente, Samu. È per questo che ci fanno paura.

  • Inserito il 11-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Veve, nessuno ha capito cosa successe ad Ariadne. Non lo ha raccontato mai a nessuno.

  • Inserito il 11-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    No, ghingo, è un luogo immaginario. Però verosimile. Ciao!

  • Inserito il 11-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    No, teschiodorato, grazie alla medicina che Ned gli ha procurato è guarito. Ciao!

  • Inserito il 11-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie per avere dato fiducia al libro, allora... :-)

  • Inserito il 11-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    No, me lo sono inventato. Ciao!

  • Inserito il 11-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Incidente motociclistico. Si è schiantato con la moto. L'ho fatto morire perché qualcuno doveva morire. Lo spettro voleva una vita...

  • Inserito il 11-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Aspetta di iniziare la seconda parte, poi mi dici.

  • Inserito il 11-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    In famiglia sono l'unico scrittore. Mia mamma, che ha studiato, ha scritto un sacco di lettere nella sua vita, ma niente narrativa. Per costruire il Piccolo Regno ho impiegato anni. Perché l'ho iniziato e poi l'ho lasciato e ripreso a seconda di quando mi venivano le idee buone.

  • Inserito il 11-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie ghingo. Anche per lo sforzo di capire le cose difficili...

  • Inserito il 11-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', per fortuna anche se uno lo scrive gli altri non sono obbligati a leggerlo ;-)

  • Inserito il 07-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', è una progressione positiva. Meglio di niente ;-)

  • Inserito il 07-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie a te, Giorgia, per il commento.

  • Inserito il 07-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao, ledrobic, il finale ha colpito tutti, a quanto pare. E' davvero così inatteso?

  • Inserito il 07-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Capisco, dolce luna. Ma la verità è che nemmeno io ho tutte le risposte. Non le avrei nemmeno se fossi molto più saggio di quanto non sono. Quindi bisogna che ogni lettore le trovi da sé. P.S. il cognome è Guglielmi, non Guglielmini, ma tutti in giro mi chiamano Wu Ming 4.

  • Inserito il 07-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie arachegna per la recensione e per i consigli. Proverò a seguirli... :-)

  • Inserito il 07-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie wolfy. Mi fa piacere che l'hai apprezzato.

  • Inserito il 07-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    E Wu Ming 4 ringrazia te per avere scritto una recensione così bella.

  • Inserito il 07-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie a te, robombo. Ogni libro che ha invogliato qualcuno alla lettura fa il proprio dovere...

  • Inserito il 07-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Perché lo spettro è lui stesso a immaginarlo...

  • Inserito il 07-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Peccato. Non è un libro per tutti gusti. Nessun libro lo è, in effetti.

  • Inserito il 07-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Un libro è un'ottima alternativa a giocare a Clash Royal. Si possono alternare, insomma :-) Sono contento che tu l'abbia riletto.

  • Inserito il 07-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ne deduco che non ti ha fatto molta paura :-)

  • Inserito il 07-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ottima notizia, grazie!

  • Inserito il 07-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Superf!

  • Inserito il 03-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, sono contento che ti sia piaciuto.

  • Inserito il 03-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie della stima, Mini.

  • Inserito il 03-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Insomma volevi proprio il lieto fine, Kelli... Sarebbe stato rassicurante. Ma la mia storia non è una favola. Parla della vita così com'è. I almeno ci prova. Anche quando racconta di cose immaginarie. Grazie.

  • Inserito il 03-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Volevo scrivere "deluda". Accidenti al correttore automatico.

  • Inserito il 03-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, Vonka, e io spero che il finale non ti delusa. Incrocio le dita. Fammi sapere. Ciao.

  • Inserito il 03-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Scusa, volevo scrivere Miss Granger. Ri-ciao.

  • Inserito il 03-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Il predatore del coniglietto era una donnola, credo. Io almeno l'ho immaginato così. Ciao, Mrs. Granger.

  • Inserito il 03-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', Bibbia, è un'interpretazione originale la tua. Un po' estrema, magari. Non ho mai pensato alle possessioni nella mia storia. Però forse si può leggere anche così. Ciao.

  • Inserito il 03-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie della recensione, Pippo.

  • Inserito il 01-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Angy. Non pensavo di insegnare qualcosa a qualcuno, ma se lo dici tu ci credo... :-)

  • Inserito il 01-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Oh, sì, stava simpatico anche a me. Se però il libro non ti ha colpito molto allora non è "molto Bello", al massimo "bellino" ;-)

  • Inserito il 01-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Tre volte! Complimenti. Fallo girare, sì. Vincere non è importante, fare girare i libri invece è importantissimo. Grazie.

  • Inserito il 01-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie. Sì, è tutto inventato ;-)

  • Inserito il 01-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Mi spiace, tobi. Magari potresti rileggerlo tra qualche anno... potrebbe farti un effetto diverso.

  • Inserito il 01-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, te la passo solo perché sei giovanissimo e ne hai letti pochi... :-) Julius è il mio eroe. Avrei voluto avere un cugino così.

  • Inserito il 01-02-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', per essere partito così male direi che ho finito benissimo! Grazie.

  • Inserito il 27-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi, carotina, mi spiace di non averci messo baci. Ci ho messo altre cose: la paura, la morte, le menzogne (hai ragione, le bugie non si dicono, ma prima o poi lo facciamo tutti), l'amicizia. E alla fine muoiono tutti perché è così...alla fine muoriamo tutti.

  • Inserito il 27-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    L'ho scritto da solo. I consigli me li hanno dati dopo che l'avevo finito, per migliorarlo.

  • Inserito il 27-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Si legge anche per imparare parole nuove, no?

  • Inserito il 27-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sì, lo so, è un libro che parte lento e poi si impenna e arriva in fondo su una ruota sola...:-D

  • Inserito il 27-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi, Cami, mica tutti abbiamo gli stessi gusti in fatto di libri. ;-)

  • Inserito il 27-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Oddio, un gioco di scatole cinesi...una matrioska... :-) A parte gli scherzi, bella l'immagine. Grazie.

  • Inserito il 26-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie a te del commento! P.S. "Williamson" non "Wellington" (ma la sostanza non cambia). ;-)

  • Inserito il 26-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Chanty, io non credo che si dovrebbe finire un libro per forza. Leggere narrativa deve essere un piacere o niente. Ciao!

  • Inserito il 26-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi, Yuma, magari una cosina che non ti è piaciuta ci sarà pur stata... :-) Grazie!

  • Inserito il 26-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Questa è un'ottima notizia. Finora era la parte che aveva scontentato di più per via del tono "triste".

  • Inserito il 26-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    In che senso? Più storia, più azione, più pagine...?

  • Inserito il 26-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Mi prendo l'abbastanza carino da una lettrice che non apprezza il genere. :-)

  • Inserito il 26-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Tranquilla, amante degli unicorni, se ti può confortare anch'io ho pianto scrivendo il finale. Se poi sotto ci metti la musica giusta è proprio la fine... :-)

  • Inserito il 26-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, aspetta di arrivare alla seconda parte, poi vedi.

  • Inserito il 26-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non "Rosa" ma "Campione di Gibilterra". Le rose sono fabiane. :-) Per quanto riguarda i libri, se c'è scritto Wu Ming senza nessun numero accanto allora l'abbiamo scritto tutti insieme. Ciao Bibbia!

  • Inserito il 22-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', se lo trovi bello nononstante non sia il tuo genere, la cosa mi dà soddisfazione. Grazie.

  • Inserito il 21-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', è già qualcosa, Chicchi...:-)

  • Inserito il 20-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Capisco, Zuretta, non è il tuo genere.

  • Inserito il 20-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Mai fidarsi troppo dei titoli. L'abito non fa il monaco e il titolo non fa il romanzo.

  • Inserito il 20-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Complimenti, luna, bravissima. Anche Ariadne sarebbe fiera di te ;-)

  • Inserito il 20-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie a te, betulla. "Ogni pagina era un'avventura" è perfetto! :-D

  • Inserito il 17-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ecco uno che ha apprezzato il non-lietofine. Il finale infatti non è proprio per ragazzi. Grazie Nico. Siamo pochi ma buoni... ;-)

  • Inserito il 17-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Molto bene, fiorellino.... non bisogna mai smettere di leggere.

  • Inserito il 17-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Spiacente di averti deluso.

  • Inserito il 17-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Magena.

  • Inserito il 17-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sì, Fil, il finale è triste. Ma chissà che se ti venisse la voglia di rileggere il libro tra una ventina d'anni non scopriresti che è meno triste di quanto sembri. La Gente Alta vede le cose da una prospettiva diversa.

  • Inserito il 17-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Intendi il mio nome anagrafico? Perché quando scrivo uso un nickname. Come fai tu qui. Ciao.

  • Inserito il 17-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Sofi.

  • Inserito il 17-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Hai ragione, Ghali. Quella parte è per la Gente Alta.

  • Inserito il 14-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Si scrive "vintage", direi. Complimenti per la creatività, Betta.

  • Inserito il 14-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ti ringrazio, Tom, dell'apprezzamento per la mappa. Sei il primo che lo dice, ma in effetti la mappa dovrebbe servire proprio a rendere più chiari gli spostamenti dei ragazzini. L'ha disegnata un mio amico, ma gli ho chiesto di disegnarla come l'avrebbe disegnata una ragazzina di undici anni brava a disegnare (cioè Ariadne).

  • Inserito il 14-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ottimo, lupobianco, anch'io sono un fan di Ariadne! :-)

  • Inserito il 14-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, palloncino. E ringrazia anche la tua amica da parte mia :-)

  • Inserito il 14-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Forse un lieto fine è più vero se non è un "vero lieto fine". Non so se mi spiego. Nella vita reale il lieto fine non è mai completamente lieto fine, e io volevo scrivere una cosa che potesse assomigliare alla vita.

  • Inserito il 14-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Toto, è bello vederlo scritto.

  • Inserito il 14-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    - Non c'è il nome del narratore così puoi dargli quello che preferisci. - Il Piccolo Regno e quello disegnato nella mappa che sta all'inizio del libro. - In quel caso significa che la famiglia del protagonista e quella dei suoi cugini avevano smesso di andare lì in villeggiatura. Probabilmente perché i ragazzini ormai erano cresciuti. Grazie per i tuoi lunghi commenti.

  • Inserito il 13-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Prego. Grazie a te per il commento.

  • Inserito il 13-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Kittens, va bene lo stesso, davvero. Il premio deve essere un espediente per parlare di libri, mica altro.

  • Inserito il 13-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie del consiglio, Kittens. Non sottovalutare però l'effetto sorpresa che viene leggendo...

  • Inserito il 12-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Capisco cosa intendi dire, Marty. Ma il problema è che imparare la vita è imparare la morte sono due facce della stella stessa medaglia. Magari adesso non ti sembra, ma datti tempo qualche anno...

  • Inserito il 12-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ottima recensione. Uno non potrebbe desiderare di meglio.

  • Inserito il 12-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Dici che dovrei scrivere un altra storia per ragazzi? Dovrei farmi venire un'idea. Fosse facile...

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Concisa, netta, sincera. Mi fa piacere che ti sia data il tempo di finirlo e di cambiare idea. Grazie.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, darth, ma non abituarti al tuo pseudonimo :-) La premessa per la gente alta, come dice il titolo stesso, avresti potuto anche saltarla. Sono contento di essre riuscito a catturarti... e di avere suscitato quelle emozioni.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Esatto, Gigas. Quella di Ned non è una morte inutile. Hai colto un punto importante.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be' oggi sono soprannomi impensabili, è vero. Ma la storia si svolge ottant'anni fa. A quell'epoca era plausibile, soprattutto perché quasi tutti i romanzi per ragazzi che si leggevano allora avevano degli animali del bosco come protagonisti.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    E' il vantaggio di scrivere romanzi usando l'io narrante... ;-)

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie a te Laila. A me quella parte va venire i brividi. Precisamente quando lo sguardo del protaognista si sposta sul ripostiglio degli attrezzi. C'è qualcosa che mi fa venire in mente tutte le cose peggiori che siano capitate nella storia dell'umanità. Non saprei dirti perché. E' l'effetto che mi fa quel momento del racconto.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ned è la vittima sacrificale perché non ha un contesto, non si è reinserito nel mondo dopo essere tornato dalla guerra, vive in una mansarda sopra la rimessa delle barche, trascorre le sue giornate girando lungo il fiume. E vede i fantasmi. Sono loro a chiamarlo? Forse sì. Quindi è giusto che vada a riconngiungersi ai comapagni morti. Ecco, ho provato a sviluppare un po' i tuoi spunti. Spero ti convincano.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie della precisazione su libro dell'Esodo. Ottima scelta: è uno dei libri più belli della Bibbia. La tua interpretazione della morte di Ned è interessante. Il cane nero è un guardiano infernale... sì, potrebbe essere una specie di Cerbero, ma con una testa sola. E sì, Ned ha una pulsione di morte, dovuta non solo al senso di colpa per essere sopravvissuto alla guerra, ma anche alla sua profonda solitudine. Ned è l'unico personaggio del racconto che non ha famiglia né amici. Si lega ai ragazzini, ma data la differenza di età non può diventare un loro amico intimo. Si lega rapidamente a Billy, ma lui deve andarsene, e poi non è altro che un fuggitivo. (continua sotto...)

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grande, Katrin. Mi appunto il tuo "magnificissimissimo" per utilizzarlo in qualche occasione futura. Grazie.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    scusa, volevo scrivere "senza nome".

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Io faccio parte di una band di scrittori che si chiama Wu Ming. Significa "senza nme" in cinese. Siccome sono il quarto ci aggiungo un 4 in fondo.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ne riparliamo quando l'hai finito, ok?

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie a te, Luce, per il commento.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie del consiglio, mimy. E io che pensavo di averne messi fin troppi di colpi di scena...! :-(

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ecco una lettrice che ha vinto la paura e si è fatta piacere il libro. Ottimo. Fedro è molto più tosto di quanto sembri, concordo.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Mi spiace deluderti, Atena, ma non credo che ci sarà un seguito di questa storia. Magari ce ne sarà un'altra, però. Chissà.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ah, ok, non ti è piaciuto perché non ti piacciono le storie che fanno paura. Però qualcosa che ti è piaciuto c'è, e questo mi consola.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Io sono un discreto scrittore e il tuo commento era gratificante.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Muttly, non credo che sia un capolavoro. Penso che sia un buon libro. E un buon libro, per me, è già una di quelle cose che migliorano la qualità della vita.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', ledrovalley, in effetti è il destino di tutti. L'espediente che ho scelto è quello che l'ultimo che resta racconta la storia di tutti gli altri molti anni dopo gli eventi. Se non avessi letto la premessa e l'epilogo ti avrebbe fatto un effetto diverso?

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, fiammetta, è una grande notizia, grazie!

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', proprio a tutti tutti è difficile. Se piace a molti è ottimo. Ciao.

  • Inserito il 11-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non c'è problema, NewYork2006, sono cose che capitano.

  • Inserito il 09-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    E dunque ti ringrazio, nonostante il tuo pseudonimo... :-D

  • Inserito il 09-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie per il voto massimo, Lion!

  • Inserito il 09-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ecco, Pak, se dici a uno scrittore che un suo libro ti ha fatto capire qualcosa in più della vita non puoi aggiungere più nient'altro per gratificarlo. :-) Grazie.

  • Inserito il 06-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Seb. Il libro è concepito come un crescendo, in effetti.

  • Inserito il 05-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', in parte il protagonista...in parte suo padre ;-)

  • Inserito il 05-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Eh, sì, Ifegenia, Ariadne piace molto anche a me.

  • Inserito il 04-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Avventura, tristezza, gioia, speranza. Sentimenti e virtù. Ci faccio la firma. :-D

  • Inserito il 04-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Hai letto ininterrottamente per un'ora? Dovresti contagiare mio figlio maggiore, che è del tuo stesso anno! :-)

  • Inserito il 04-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, ice skater. Secondo me l'amicizia tra cugini è un sentimento molto originale. Perché non è soltanto amicizia, dato che c'è anche un legame di sangue, famigliare, ma non è nemmeno come il legame tra fratelli, perché non è così stretto. E' qualcosa di unico, comunque.

  • Inserito il 04-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sai, delfino, la mia prima stesura della storia era come l'avresti voluta tu. Prima si presentavano i personaggi e poi c'era l'episodio dell'orco. Però poi l'editore mi ha convinto che fosse meglio iniziare con una scena d'azione, cioè in cui i personaggi facevano qualcosa. E così il capitolo del mulino è finito in testa al romanzo. Grazie del commento.

  • Inserito il 04-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Difficile dirlo, perché da quando mi è venuta all'idea a quando ho iniziato a scriverla e poi a quando ho finito di scrivere il romanzo sono passati degli anni. Non l'ho scritto di getto. E' frutto di una lunga gestazione.

  • Inserito il 04-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Concordo con te, Favi J, non è un vero e proprio horror. Grazie.

  • Inserito il 04-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Wow, Lupi. Non so se sono d'accordo con la morale che ne trai tu, ma l'hai detto veramente bene. Complimenti. E grazie.

  • Inserito il 04-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, lepre, se poi hai bisogno che ti spieghi qualcosa, sono qua.

  • Inserito il 04-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Hai ragione, allodola canterina, avrei potuto dare più voce ai ragazzi del villaggio, ma volevo che il protagonista e i suoi cugini percepissero una grande distanza da loro, che fossero una specie di controparte. E non volevo che la storia finisse con una pace saggia ma con una pace imposta dalle circostanze (fronteggiare il cane nero). Senza tanti giri di parole e dialoghi improbabili. Spero di essermi spiegato.

  • Inserito il 04-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', Aridne è lì perché ce l'hanno trascinata i due gemelli Williamson. Cose le abbiano fatto non si sa. Non lo so nemmeno io. Forse niente. L'hanno soltanto chiusa lì dentro come fosse una delle loro piantine.

  • Inserito il 04-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Peccato, smily, succede che i libri non ci prendano. Spero che almeno te ne sia piaciuto uno degi altri quattro.

  • Inserito il 04-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    E' una bella notizia, sparky. Mi fa piacere.

  • Inserito il 04-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Aspetta di arrivare alla seconda parte e poi mi saprai dire.

  • Inserito il 01-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ottima scelta, Ranocchia. 😉

  • Inserito il 01-01-2017 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi, grazie Doggy, sono molto contento che il libro ti abbia preso così tanto 😀

  • Inserito il 31-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ti ringrazio, Silvia. Buon anno!

  • Inserito il 31-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Nessun problema, carabela, può capitare. Ciao e buon anno!

  • Inserito il 30-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao noce. Il nome non lo so. Io mentre scrivevo mi immaginavo che si chiamasse Christopher.

  • Inserito il 30-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Molto bene, Kevin. Quella scena me la sono dovuta inventare completamente, perché non mi sono mai calato in una tomba... :-) Ciao!

  • Inserito il 30-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie a te del commento, Lyra. È precisamente quello che ogni scrittore vorrebbe sentirsi dire. Tuo, Iorek... cioè, scusa, Wu Ming 4

  • Inserito il 29-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Un buon libro è quello che quando giri l'ultima pagina ti senti come se avessi perso una grande amicizia. Questa tua frase la memorizzo e se permetti la userò perché è una definizione bellissima e molto efficace. Sono felice del mio libro, soprattutto per le reazioni di voi lettori. Grazie, Fedro...emh, cioè Gio.

  • Inserito il 29-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    La gente alta sono gli adulti. La gente bassa i bambini. Non credo che il Piccolo Regno avrà un seguito. È una storia conclusa.

  • Inserito il 29-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Fuorviare significa condurre fuori strada, sviare. Ciao!

  • Inserito il 29-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao. L'ispirazione di un libro viene da tante cose, difficile stabilire precisamente quali. Ho scelto di non dire il nome del narratore perché così ogni lettore può immaginare il nome che preferisce. I suoi genitori non avevano voluto dirgli che era nato nella circostanza tragica della morte del fratello. Glielo avrebbero forse detto quando fosse stato più grande.

  • Inserito il 29-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, cartina?

  • Inserito il 29-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao farfalla, finalmente qualcuno che ha apprezzato il finale! :-)

  • Inserito il 29-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Ledro. Cosa precisamente non ti è piaciuto del finale?

  • Inserito il 27-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Cincio, ci conto. L'inizio non è molto chiaro perché, come c'è scritto, è una Premessa per la Gente Alta. Tutto sommato il libro si potrebbe leggere anche saltando la premessa è iniziando dal capitolo uno.

  • Inserito il 27-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Alby, Wu Ming 4 è il mio pseudonimo, un nome d'arte che uso per firmare i libri.

  • Inserito il 27-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao. Il primo consiglio è leggere. Leggi le storie che ti piacciono. Il secondo consiglio è scrivi. Scrivi qualunque cosa: pensieri, idee, descrizioni di luoghi e stati d'animo...liste della spesa :-) Se vuoi diventare brava a scrivere devi esercitarti. E quando ti sembra di avere scritto una cosa buona, leggi la ad alta voce e ascolta come suona. Una buona pagina deve suonare bene. Infine: scegli una storia che ti piace e riscrivila a modo tuo, cambiando le cose che vorresti diverse. Tutti gli scrittori iniziano copiando altri scrittori. Poi se sono bravi diventano autonomi. Be', buona fortuna!

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao, nessuno. Sai, la paura è molto soggettiva, mica tutti reaiscono allo stesso modo. Io non credo di avere scritto un storia particolarmente paurosa.

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Girasole. Il tuo è un commento incoraggiante.

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Wu Ming in cinese significa "senza nome". Il 4 significa che sono il quarto membro del gruppo che si chiama Wu Ming, appunto. Ciao.

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Nel Piccolo Regno i fabiani sono quelli come i genitori dei quattro ragazzini. I papà ele mamme che non picchiano i figli, pensando che con le punizioni corporali si possa educare qualcuno. Cosa sono stati i fabiani più in generale, magari un giorno lo studierai a scuola nelle ore di storia. Ciao.

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    No, fiorellino. Mi sono inventato tutto :-) Buona lettura.

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Chiary, mi fa piacere.

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    No, è inventata.

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Emma. Lo spettro prende Ned perché è da solo. Nei momenti critici non bisognerebbe mai esserlo. O forse lo spettro è solo il frutto dell'immaginazione del protagonista è Ned semplicemente esce di strada. I Williamson sono due ragazzini maltrattati che infliggono maltrattamenti. Succede che le persone replichino quello che hanno conosciuto... per questo l'educazione è una faccenda così delicata.

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Baldra. Ho scritto anche altri libri. La maggior parte per la gente alta. Per la gente bassa ho scritto "Cantalamappa" e "Il ritorno dei Cantalamappa". La storia del piccolo regno non è accaduta veramente. Me la sono inventata nella mia testa. Come direbbe Albus Silente: "Questo dovrebbe significare che non è reale?". Boh. Ciao e Buon Natale!

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi, no, no, la storia è frutto della fantasia, io non ho mai vissuto quella storia, è solo una storia inventata! :-D

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Smile, l'ho già detto agli altri: io non sono Tasso. La storia è inventata. Buon Natale anche a te!

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Norvy, è una storia inventata con personaggi inventati. E il nome del narratore non lo so nemmeno io :-). Le persone ringraziate alla fine sono tutti autori e autrici che mi hanno ispirato la storia. Se non avessi letto i loro romanzi non avrei mai scritto il piccolo regno.

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao, scoiattolo. Se chi legge nono conosce il nome del narratore, quando dice "io" è più facile immedesimarsi, no? Potresti essere tu stesso! :-)

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao. Alla fine ho ringraziato gli autori che mi hanno ispirato a scrivere questa storia. Sono quasi tutti britannici, eccetto un paio.

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Il luogo è la storia sono inventati. I personaggi che vengono nominati nei ringraziamenti sono degli autori che hanno scritto libri che hanno ispirato la mia storia. Difficile riconoscerli, però.. .

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    No, figliadeifiori, Tasso non sono io. E la storia è inventata. Auguri!

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Mi spiace, ma il nome non lo so nemmeno io. Puoi chiamarlo come preferisci. Ciao!

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao. La storia è inventata e il posto è immaginario. Auguri anche a te!

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Su Ned ho risposto qui sotto a Mever. Sul nome del narratore, be', ho preferito che ogni lettore scegliesse il nome che preferiva.

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non saprei dirtelo, Mever. Probabilmente perché di tutti i personaggi era quello più solitario. O forse gli spettri esistono solo nella nostra immaginazione e Ned è semplicemente uscito di strada con la moto.

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    No, libretta, è una storia inventata.

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Lo immaginavo. E io nel 1973 ;-)

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Mi fa piacere, spero di riuscirci!

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non mi permetterei mai di consigliarti un'immagine, pika. Non conosco i tuoi gusti :-)

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Auguri anche a te, pika!

  • Inserito il 23-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Perché spesso scrivo insieme ad altri amici e tutti insieme ci siamo scelti come nome Wu Ming, come se fosse il nome di una band. Io sono il quarto, quindi Wu Ming 4.

  • Inserito il 21-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non è mica una brutta idea, fuffy.

  • Inserito il 21-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Per scrivere bisgna leggere. Non so come vengano fuori le idee, ma di solito è leggere storie che ti fa venire in mente delle nuove storie, quindi funziona così anche per me. Grazie.

  • Inserito il 21-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, libro aperto, è la prima volta che qualcuno mi fa i complimenti per la punteggiatura. Me ne ricorderò!

  • Inserito il 21-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, evviva il 2006. Anche il 2005 non era male. E perfino il 1973. ;-)

  • Inserito il 21-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Lo spero anch'io, cagnolino. Grazie.

  • Inserito il 21-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ti dico quello che ho detto agli altri: se arrivata all'inizio della seconda parte ancora non ti piace, allora amen, non credo che lo recuperi più.

  • Inserito il 21-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Lupo, ma col nome che hai ti appasionerai sicuramente al libro di Giuseppe Festa :-)

  • Inserito il 21-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Pika Pika, anzi Lxxx. Ci incontreremo a Trento, credo, a primavera. Mi piace quel tuo "Forse alla fine è un pochino triste, ma ci sta alla perfezione". Ci speravo che qualcuno mi dicesse questo. ;-)

  • Inserito il 21-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non so come mi è venuto in mente. Era una storia che mi frullava in testa da tempo, e piano piano ha preso forma da sé, e l'ho scritta. Ma ci ho messo tanto, considerando che non è certo un libro molto lungo.

  • Inserito il 21-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie Mat, molto gentile.

  • Inserito il 21-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, pare di sì, che ci vedremo a Trento.

  • Inserito il 21-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Chichi, bisogna che mi rifai la domanda, perché devo essermela persa...

  • Inserito il 20-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Eh, sì, record. Complimenti, Lilli.

  • Inserito il 20-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Fiorellina. Leggi il commento qui sotto di Lilli Jo e renditi conto di quanto può essere diversa la lettura di un libro a seconda del lettore/lettrice. Per te è stato noioso, per lei è stato molto coinvolgente. Forse avete anche due età diverse, però...

  • Inserito il 19-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Urca, Liù, se fosse stato vivo non avrei più avuto la trama per il romanzo! :-D

  • Inserito il 19-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sì, l'hanno fatto notare in molti qui, il finale è triste. Capita. E potrebbe anche capitarti di rileggere questo libro tra qualche anno e scoprire che in definitiva non è poi così triste come sembra.

  • Inserito il 19-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao, Giogi. Io non lo definirei un libro proprio per bambini, ma se lo dici tu, mi fido... ;-)

  • Inserito il 19-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Certo Betta. Il vocabolario mi dà due definizioni che sommate una all'altra descrivono il tumulo del Piccolo Regno: 1. Prominenza naturale o artificiale del terreno, formata per accumulo di terra, sabbia o altro materiale. 2. Sepolcro. Insomma è una tomba ricoperta da una montagnola di terra.

  • Inserito il 19-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, Mini, aspetto il tuo parere anche sull'altra metà. Grazie.

  • Inserito il 17-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    No, girl, è una storia inventata. Però se ti è sembrata vera ho ottenuto l'effetto desiderato. :-)

  • Inserito il 17-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Certo che te lo faccio sapere: mi chiamo Federico. Ciao.

  • Inserito il 17-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Alex. E io ti ringrazio di averlo letto.

  • Inserito il 17-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Volpenera. A volte i libri soni un po faticosi, ma, credimi, leggere serve anche a questo, a confrontarsi con parole che magari nella lingua che parli tutti i giorni non incontri mai. E sono contento che l'idea di mettere l'episodio del mulino come primo capitolo funzioni (me l'ha suggerito una mia amica, che è anche la mia editrice). Spero tu non abbia fatto troppo tardi! :-)

  • Inserito il 17-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, gladiol, ma l'hai finito? Anche a te il finale è sembrato troppo triste?

  • Inserito il 17-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie a te, Rosaconfetto. E' precisamente l'effetto che un romanzo d'avventura deve ottenere.

  • Inserito il 17-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Umh... Non proprio così antipatici, ma se mi sono venuti in mente dei personaggi così immagino che qualche tipo del genere io l'abbia incontrato nella mia vita. Comunque, gumball, tutti possono migliorare... ;-)

  • Inserito il 17-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao SuperF. Allora ci risentiamo appena hai finito di leggerlo. Grazie.

  • Inserito il 17-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Andromeda. Anch'io spero di continuare a scrivere. Buon Natale anche a te!

  • Inserito il 17-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Io per ragazzi ho scritto due raccolte di racconti di viaggi: "Cantalamappa" e "Il ritorno dei Cantalamappa". Li ho scritti insieme ai miei soci. Però sono molto diversi dal Piccolo Regno.

  • Inserito il 17-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Orfalup. Intendi dire proprio brutta o che è un po' triste?

  • Inserito il 17-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non era un orco. La gente pensava che fosse una cattiva persona, invece era soltanto uno scorbutico un po' misantropo.

  • Inserito il 16-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non è giusto, ma succede, Campione. Così come si può scoprire il coraggio che non pensavamo di avere, in certe situazioni.

  • Inserito il 16-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Tra un paio d'anni potresti vedere un film horror che si chiama "Il sesto senso". E poi leggere un racconto che si intitola "Il giro di vite". Ma già adesso potresti leggere "I bambini della ferrovia". Così capirai da dove nasce l'idea per questo libro.

  • Inserito il 16-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Miss. Questo tuo messaggio è rincuorante. Però non sottovalutare la rilettura di un libro che ti è piaciuto. Non subito, magari tra un anno o due. A volte ci sono delle sorprese.

  • Inserito il 16-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Peccato, Lamp. Ti suggerisco di riprovare a leggerlo tra qualche anno. Non tutti i libri sono per tutti i palati e tutte le età.

  • Inserito il 16-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, sei il secondo oggi che dice che alcuni punti non sono molto chiari. Se volete dirmeli, provo a darvi una mano.

  • Inserito il 16-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sì, potevano. Ma il soprannome del protagonista è Tasso. Credo sia per quello.

  • Inserito il 15-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    In un solo pomeriggio? Credo sia il record. Cosa non ti risultava chiaro?

  • Inserito il 15-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sì, Milu, è proprio quella cosa lì.

  • Inserito il 15-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non ti piace perché ti fa troppa paura?

  • Inserito il 14-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Difficile dire di cosa parla 54. E' un romanzo che si svolge durante l'anno 1954, con tantissimi personaggi e tantie storie che si intrecciano. Ne riparliamo tra qualche anno, foxy ;-)

  • Inserito il 14-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Toro, quando avrailetto anche gli altri mi saprai dire. Grazie.

  • Inserito il 14-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non c'è di che, rachi. Grazie.

  • Inserito il 14-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie a te, doggy, del commento.

  • Inserito il 14-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Andromeda, il motivo è presto detto... perché non è un orco! ;-)

  • Inserito il 14-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', tutto sommato non mi sembrano poche le cose che ti sono piaciute. Meno male.

  • Inserito il 14-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Se il finale ti ha commosso, Ru, allora mi ritengo soddisfatto. E grazie per i titoli che mi suggerisci. Al momento non so proprio cosa scriverò di nuovo.

  • Inserito il 14-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi, ma non è davvero un orco... :-(

  • Inserito il 14-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie di cuore, Cuore :-) Non ti ha fatto un po' paura leggerlo prima di dormire?

  • Inserito il 14-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    "Appassionato" non l'aveva ancora detto nessuno. Mi piace. Grazie. WM4

  • Inserito il 14-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Mever. Il piccolo regno è un'invenzione. Ma è un'invezione verosimile. Un vero nome quindi non ce l'ha. A presto, WM4

  • Inserito il 14-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao figliadeifiori, sono contento che ti piaccia!

  • Inserito il 14-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Mi spiace per le tue allergie famigliari, Apollo. La tua nota sull'empatia tra animali e bambini è interessante. Lo spunto del libro l'ho preso da diverse cose. Prima di tutto un fatto storico: negli anni Trenta del secolo scorso fu davero trovata la tompba di un guerriero dentro un tumulo (puoi ammirare la sua mascehra se vai al British Museum di Londra). Poi alcuni libri che ho letto, te ne dico due: "I bambini della ferrovia" e "Giro di vite". E infine un film che si intitola "Il sesto senso". Ciao!

  • Inserito il 13-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    L'ho già detto agli altri che me lo hanno chiesto qui. Il nome è quello che pare a te, quello che ti piace. Io mentre scrivevo lo immaginavo come Christopher, ma la verità è che non lo so nemmeno io come si chiama :-)

  • Inserito il 13-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Secondo me Billy serve, invece. È la novità inaspettata, l'arrivo inatteso, che porta da fuori un pensiero e un atteggiamento diversi da quelli degli abitanti del piccolo regno. Ecco perché il protagonista porta con sé il suo ricordo per tutta la vita. E poi gli ha regalato il portafortuna! :-)

  • Inserito il 13-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Esatto, foxy. ;-)

  • Inserito il 13-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi, Tommy, magari non leggerlo proprio prima di dormire... :-)

  • Inserito il 13-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie dell'incoraggiamento, Marty!

  • Inserito il 13-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao. Puoi dargli il nome che preferisci. Io nella mia testa l'ho sempre chiamato Christopher.

  • Inserito il 13-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao volley. Con le tue modifiche sarebbe stato... un altro libro! :-) Se il fantasma non perdesse sangue farebbe meno paura. Se la vita strappata fosse quella di un cane cattivo anziché di un essere umano sarebbe meno significativo: è proprio la morte di una persona cara che segna la fine dell'infanzia e del piccolo regno. Se tutti i personaggi vivessero il resto della vita felici e contenti sarebbe un finale falso. Nessuno vive tutta la vita felice è contento. Ciao :-)

  • Inserito il 13-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Paura e gioia. È fantastico. Ma aspetta di averlo finito, così ne riparliamo.

  • Inserito il 13-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, pezzi. "Avventura dal punto di vista dei più piccoli" è una definizione che mi piace molto.

  • Inserito il 13-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Hai ragione Nike, poteva starci più avventura. Ma in quel caso anche le pagine sarebbero state di più :-)

  • Inserito il 13-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Scusa gli errori, sto rispondendo dal telefonino...

  • Inserito il 13-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao butterfly. Anche tu hai scelto di chiamarti butterfly in questo sito, e non credo che sia il tuo nome all'anagrafe... Siccome suo libri è scritto Wu Ming, e siccome qui rispondo sul libro che ho scritto, pareva logico mantenete il mio nome d'arte. Ma puoi anche chiamarmi Federico, se preferisci.

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sì, con le immagini poteva essere più bello... Però è bello anche che le cose te le immagini tu, senza che te le disegni qualcun altro, no?

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Fabio. Non so se sei del popolo fabiano solo perché ti chiami Fabio, ma posso dirti che i fabiani si chiamavano così perché si ispiravano a un tizio che si chiamava Fabio. Anzi, per l'esattezza Quinto Fabio Massimo. :-)

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi, Ru, non mi sono mai calato in una tomba. Il Piccolo Regno è una storia inventata dall'inizio alla fine ;-)

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', sì, ti rispondo, ma potremo parlare meglio quando avrai letto il libro, che dici?

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Foxy, se lo 05 nel tuo nickname sta per 2005 ed è il tuo anno di nascita, allora ti consiglio di aspettare qualche anno prima di leggere 54. Ti consiglio magari di cimentarti nelle due raccolte di raconti per ragazzi che io e i ei soci abbiamo scritto: "Cantalamappa" e "Il ritorno dei Cantalamappa". Sono sicuramente più adatti alla tua età. Per gli altri c'è tempo, non avere fretta.

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Very well, shakirux. L'apprezzamento per la frase di copertina è molto importante per me. Grazie.

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ben ritrovato, Bibbia. Il piccolo regno è quello rappresentato nella mappa all'inizio del libro. E' un luogo. Però è anche una metafora dell'infanzia.

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Bibbia Parlante (ma tutta la Bibbia o uno dei libri in particolare?), ecco le risposte: 1) Il protagonista è un personaggio inventato. 2) Anche gli altri personaggi sono inventati. 3) Credo ci siano tanti piccoli regni quanti sono i bambini sulla terra. 4) Grazie dell'attestato di stima, ma credo che a Stoccolma la pensino diversamente (e per adesso hanno premiato un cantautore, Bob Dylan). Grazie di tutto.

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie a te Blek. La prima parte è più lenta, hai ragione, serve più che altro a presentare i personaggi e lo scenario in cui si ambienta la storia. Per fortuna poi la storia parte spedita verso avventura e intrigo, come dici tu... :-D

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, Idra, ci può stare. Non tutte le storie finiscono bene. Il mio libro, se vuoi, parla anche di questo. Prima o poi tocca fare i conti col male, con la sofferenza, e altre cose brutte. Fanno parte della vita. E forse se non ci fossero non riusciremmo ad aprezzare così tanto le cose belle.

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Qualche giorno fa aveva scritto qui un certo Voldermort. L'apprezzamento di un Harry Potter mi consola. Così siamo pari. Sono molto contento che ti stia piacendo.

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, mi associo all'augurio a me stesso, tigre blu, appena mi viene un'idea buona... ;-)

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Uh, grazie dell'augurio, ma l'importante è che il libro ti piaccia.

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Miriana. Ho scelto di fare lo scrittore perché fin da piccolo mi è sempre piaciuto scrivere storie e perché...non so fare nient'altro! :-P

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Micio, credo che dovrò salire in Trentino a primavera, per la finale del premio, quindi magari riusciamo a beccarci. Ciao.

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi, Megasurfer, speriamo che chi deve ancora leggere i llibro non capiti qui sul tuo commento, altrimenti gli rovini la suspance... :-)

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi, chitarra16, ti interessa un ingaggio come pubblicitaria...? :-D

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, butterlfy, resto in attesa di un commento, allora.

  • Inserito il 11-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Bene, Toto, mi fa molto piacere di esserci riuscito. Significa che so fare il mio mestiere. :-)

  • Inserito il 07-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Significa "Senza nome" in cinese.

  • Inserito il 07-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Foxy. Il libro preferito che ho scritto ovviamente è l'ultimo, cioè Il Piccolo Regno... finché non ne avrò scritto un altro! ;-) Il libro che preferisco di quelli scritti insieme si intitola 54.

  • Inserito il 07-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Molto bene. Quando ti "scolli" torna qui che ne parliamo ;-)

  • Inserito il 06-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sì, è vero. In tempi diversi. Non volevano più scrivere con noi altri.

  • Inserito il 06-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Caro Geco, se i temi in classe funzionano ancora come quando andavo a scuola io... stai fresco! Io non credo che si possa scrivere così, all'impronta, sulla base di un titolo che ti viene dato lì per lì. Le idee ti vengono se leggi libri, frughi sul web, parli con qualcuno... Non calano dall'alto come per magia, e non nascono dentro di te spontaneamente. C'è bisogno di studiare, leggere, curiosare, discutere. Solo così puoi mettere assieme gli spunti per costruire una storia. Se leggi libri di avventura e di mistero e ti piacciono, ti potrebbe venire la voglia di provare a scrivere una storia del genere. E' più o meno così che funziona. Per quanto riguarda il titolo... Ii Piccolo Regno è una metafora per l'infanzia.

  • Inserito il 06-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Da tante cose. Provo a selezionarne tre: un libro ("I bambini della ferrovia"), un film ("Il sesto senso"), un fatto storico (Il ritrovamento della tomba di Sutton Hoo). WM4

  • Inserito il 06-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Il 7 non mi dispiace, Diamante. Ma hai finito di leggerlo?

  • Inserito il 05-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi, Pippo, è un commento impegnativo. Ad ogni modo grazie. Nemmeno io sto scherzando. WM4

  • Inserito il 05-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Sabrina. Insieme ai miei amici ho scritto due raccolte di racconti per ragazzi, ma di un genere molto diverso dal Piccolo Regno. Sono storie di viaggi in giro per il mondo (e anche in posti immaginari). Il primo si intitola "Cantalamappa" e il secondo "Il ritorno dei Cantalamappa".

  • Inserito il 05-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Betta, tu intanto finiscilo, poi ne parliamo alla pari, conoscendo tutti e due la storia intera. altrimenti io sono troppo avvantaggiato.

  • Inserito il 05-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie. Ci risentiamo dopo che lo hai letto, allora. WM4

  • Inserito il 05-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Emh, temo di sì, Fiore, che un po' esageri :-)

  • Inserito il 05-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    "divertente" e "pauroso" sembra un controsenso, ma per me è perfetto. Grazie.

  • Inserito il 05-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie a te, fivefreddy. "Misterioso" è un aggettivo che si addice al libro, sì. E non tutto il mistero, se hai notato, alla fine viene svelato...

  • Inserito il 05-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Horror + fantasy non è male, però ;-)

  • Inserito il 05-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non lo so perché ho fatto un finale triste, però fin dall'inzio l'unica cosa di cui ero certo mentre scrivevo era che alla fine i ragazzini avrebbero dovuto fare i conti con la morte di una persona cara. Perché quello sarebbe stato il momento di passaggio dall'infanzia a quello che viene dopo.

  • Inserito il 05-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, pippo, mi prendo l'11 e sono felice. Grazie, WM4

  • Inserito il 04-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, però se uno che si chiama Voldemort riempie il mio libro di complimenti un po' mi preoccupo... :-P Ssssshash-hkaa-sash-hzeahhh...

  • Inserito il 04-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Bibbia Parlante (wow!), spero che tu possa iniziare a leggere il libro il prima possibile così mi dici cosa ne pensi. Wu Ming 3 e Wu Ming 5 hanno lasciato il gruppo in periodi diversi, il primo otto anni fa, il secondo l'anno scorso, perché non avevano più voglia di scrivere insieme a noi altri. Sono cose che capitano nelle milgiori famiglie, figurati nei collettivi di scrittura :-) A presto. WM4

  • Inserito il 03-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Qualche spunto deriva da cose che mi sono successe, ma per la maggior parte si tratta di idee che mi sono venute leggendo altri romanzi o vedendo film.

  • Inserito il 03-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Molto bene, dolphin007, potresti allora usare "Ariadne" come nickname in qualche occasione. E' un nome che a me piace molto. Cia WM4

  • Inserito il 03-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao, lupa. Sì, ho altri libri in mente, ma non significa automaticamente che li scriverò. Il Piccolo Regno non ha avuto uno spunto solo, ma molti. Libri che ho letto, un film, cose che mi sono capitate, e ricordi d'infanzia. E' così che nasce più o meno qualunque romanzo: mescolando cose accadute ad altri con cose accadute a te stesso e cose che altri hanno inventato, e poi costruendo le connessioni tra loro.

  • Inserito il 03-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Samantha. Ti correggo: tecnicamente quello che il protagonista vede non è uno zombie, ma un fantasma. Uno zombie è un non-morto, insomma un morto che cammina, solitamente privo di volontà propria e mosso da uno stregone, Un fantasma è lo spirito di un defunto che rimane in giro. Mi dispiace per gli incubi, ma ti confesso che uno degli spunti per questo romanzo viene da un film di una quindicina di anni fa, intitolato "Il sesto senso". Ecco, io quando ho visto il film ero già adulto, ma mi ha fatto venire gli incubi e i brividi pure da sveglio. Perché, come è scritto nel libro: "Quello che ci spaventa da bambini ci spaventa per sempre". WM4

  • Inserito il 03-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Se rileggi il finale te ne accorgi da sola. E' il fantasma di una persona molto più piccola e più giovane del guerriero... più di così però non ti dico :-)

  • Inserito il 02-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao, tempesta di note. Anche se il libro non è tanto lungo diecimila volte sono tante. Qualunque libro che ti è piaciuto, però, merita almeno una rilettura. Per me è così. WM4

  • Inserito il 02-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Federico.

  • Inserito il 02-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non so se è il migliore, ma mi pare di capire che è quello che più paura... :-)

  • Inserito il 02-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Thank you very much, Hp_lover.

  • Inserito il 02-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Molto bene, Superfabri, sono contento per te. E anche per me, perché significa che ho fatto un buon lavoro e questo è gratificante. Ciao WM4

  • Inserito il 02-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Il finale è triste perché Il Piccolo Regno racconta la fine dell'infanzia del protagonista, ed è sempre un po' triste dover dire addio a un periodo così lungo e intenso. Questo addio, poi, per lui coincide con tante cose, tra cui la perdita di un amico adulto a cui era affezionato. Ma anche questo fa parte della vita.

  • Inserito il 02-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, Dragon Trainer, spero di fare altri libri così. Grazie!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Inserito il 02-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Occhio, PolloLocko, che a volte quello che sembra un orco poi non è detto che lo sia... Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio! ;-) WM4

  • Inserito il 01-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Finito?

  • Inserito il 01-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sì, mi chiamo Federico. Wu Ming 4 è il nome che uso per firmare i libri. Ciao.

  • Inserito il 01-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie a te dell'apprezzamento, G30. Ho vissuto avventure meno misteriose, ma non mi sono fatto mancare le scorribande nei boschi e lungo i fiumi. Sono cose che dopo una certa età non si riescono più a fare, a meno di non essere davvero molto bravi. Ciao, Wu Ming 4

  • Inserito il 01-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, Domatore di Draghi, ne ruparliamo quando l'haifinito. Grazie, ciao. Wu Ming 4

  • Inserito il 01-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao clico, se leggi nella risposta qui sotto che ho dato a foxy c'è già tutto. Federico (Wu Ming 4)

  • Inserito il 01-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok, due domande = due risposte: 1) Lo spunto l'ho preso da un fatto storico e da un romanzo. Devi sapere che nel 1939 in Inghilterra venne scoperto il tumulo sepolcrale di un re anglosassone. Se vai al British Museum di Londra puoi ammirare la maschera/elmo, sia l'orginale corroso dal tempo, sia la ricostruzione. E' un oggetto meraviglioso. Nella mia testa questo fatto si è collegato automaticamente con un episodio del Signore degli Anelli (il romanzo, non il film), in cui i protagonisti vengono catturati da un spettro dei tumuli. L'ambientazione invece me la suggerivano alcuni classici per ragazzi che ho letto, dove c'erano sempre dei ragazzini che esploravano giardini o la campagna inglese. Metti tutto assieme e ottieni l'idea del Piccolo Regno. 2) Fatti veri: da ragazzino ho davvero trovato un guscio di tartarga interrato nel giardino di mia nonna. Ho conosciuto un amico mentre scappava da una finestra (più o meno). Ho davvero perso un amico (non lo stesso) in un incidente stradale.

  • Inserito il 01-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie dei complimenti, Cocci. ti confesso che per me è una scoperta questo apprezzamento per la mia storia. Finora non avevo potuto scambiare opinioni con ragazzi e ragazze della tua età sul mio libro. F.

  • Inserito il 01-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Mi ha ispirato la lettura di altri romanzi per ragazzi: "I bambini della ferrovia", "Il giardino segreto", "Il vento nei salici"...e anche "Il Signore degli Anelli" (che non è tanto per ragazzi).

  • Inserito il 01-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    E' anche il mio personaggio preferito!

  • Inserito il 01-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao, pantera. Ariadne è anche il mio personaggio preferito ;-)

  • Inserito il 01-12-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao furia nera. Per scrivere una storia prima di tutto ti serve un'idea da cui partire. Io sono partito dall'idea dei ragazzini in vacanza d'estate e dalla scoperta del tumulo del guerriero (spero che fino a lì tu abbia capito). Dopodiché mi sono inventato tutte le altre avventure che capitano ai ragazzini.

  • Inserito il 30-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie dei complimenti Annabeth. E anche delle parole sul mio libro. Le cose che dici mi confortano nella convinzione che un po' di mestiere in questi uiltimi vent'anni l'ho imparato. E' davvero consolante. Ri-grazie. Federico (Wu Ming 4)

  • Inserito il 30-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Sole. Mi sono ispirato ad alcuni romanzi per l'infanzia che ho letto, scritti un secolo fa e anche più. Però non li ho letti da ragazzi, ma da adulto. Immagino che i ragazzi adesso gradiscano altre letture. Però se il mio romanzo è piaciuto a voi, significa che un po' di quello spirito sono riuscito a strapparlo e a mantenerlo vivo nelle pagine. Sono contento. F.

  • Inserito il 30-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie. Forse è l'epilogo a non averti soddisfatto. Ma quello è più adatto alla Gente Alta, in effetti. Ci vediamo. F.

  • Inserito il 30-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    "Maleducati" è la parola giusta, sì. Nel senso di educati male. E' una delle cose che il libro racconta. Non credo che possa esserci un seguito del Piccolo Regno. La storia ha già una sua conclusione che basta a se stessa. F.

  • Inserito il 29-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Non proprio. Anch'io, come tutti, ho trascorso delle estati in vacanza con i miei cugini e amici, ma non mi è mai capitato di incontrare uno spettro ;-) Mi è successo di scavare fuori un guscio di tartaruga dalla terra. E anche di conoscere una persona che usciva da una finestra. Ma non più di questo.

  • Inserito il 28-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Questo non è possibile, Diego. Quanti libri miei hai letto? :-)

  • Inserito il 28-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Eh, capisco, Emmina... però succede. Un buon antidoto a non diventare noiosi da adulti è ricordarsi come si era da ragazzini. Insomma, conservare un po' di quello spirito avventuroso. Ora che ci penso, forse è proprio per questo che ho scritto Il Piccolo Regno ;-) Ciao!

  • Inserito il 28-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Bella idea l'ora di lettura l'ultima ora della settimana. Meglio che fare lezione stanchi morti e con la testa già da un'altra parte. Ciao!

  • Inserito il 28-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Per dirtela tutta, il nome Kirk è un omaggio a un famoso romanzo per ragazzi, Le Cronache di Narnia (ne hanno tratto anche un film), dove c'è un personaggio, un vecchio professore, appunto, che si chiama Kirk. Infine Robert Kirk è stato anche un famoso studioso di folklore e antiche leggende vissuto qualche secolo fa.

  • Inserito il 28-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Cristofer. "Kirk" significa "chiesa" nella lingua scozzese. E' un cognome piuttosto comune da quelle parti, anche se il mio romanzo non si svolge in Scozia, ma in Inghilterra.

  • Inserito il 28-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ok. E quale genere letterario preferisci?

  • Inserito il 28-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    E' un'ottima notizia, Alessandro. Grazie!

  • Inserito il 27-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao, pappagallo. Possono essere stati soltanto i perfidi gemelli. Sono contento che Cantalamappa ti sia piaciuto. E' appena uscito il seguito.

  • Inserito il 25-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Insieme ai miei soci ho scritto due raccolte di racconti per ragazzi. Il primo si intitola Cantalamappa e il secondo Il ritorno dei Cantalamappa (è uscito da pochi giorni). Sono racconti che hanno a che fare con i viaggi in paesi vicini e lontani e anche in paesi immaginari. Ciao. F.

  • Inserito il 25-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    "pieno di mistero" è una definizione che mi piace molto. Grazie. F.

  • Inserito il 25-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao pezzi. Penso che potrai incontrarmi se salgo in Trentino a primavera per la proclamazione del premio. Buona lettura. Federico (Wu Ming 4)

  • Inserito il 24-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sì, falco, è un po' horror. Posso anticiparti che c'è un fantasma, per lo meno. E pure una macchia di sangue. Non ti dico altro, per non rovinarti il gusto di scoprirlo.

  • Inserito il 24-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie, Diego. Mi sono quasi convinto di avere scritto un buon libro :-)

  • Inserito il 24-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Quindi stai per stabilire il record: due giorni per finirlo. Complimenti!

  • Inserito il 24-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Bene, mi fa molto piacere.

  • Inserito il 23-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao eschi. Crescendo mi saprai dire se la frase è ancora vera... :-) Per me lo è. E sono grandicello, ormai.

  • Inserito il 23-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    3 giorni! Forse hai stabilito il record della tua categoria, sai, black-cat?

  • Inserito il 23-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Molto bene. gatto. Vediamo come ti lascerà il finale della storia... ;-)

  • Inserito il 23-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Betta, bisogna che ti spieghi meglio. Cosa ci trovi di complicato nel libro?

  • Inserito il 22-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao chichi. Attenzione che alle volte i generi narrativi sono ingannevoli. Non è mica detto che Il Piccolo Regno sia un fantasy. alle volte anche i fenomeni più strani possono avere spiegazioni logiche... ;-) Federico (Wu Ming 4)

  • Inserito il 22-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Cristofer. Come ho risposto più sopra a un altro commento, volevo che i ragazzini della mia storia avessero nomi originali, inconfondibili, quindi ne ho scelti tre antichi: uno latino (Julius), uno greco (Fedro), e uno celtico (Ariadne). Il protagonista invece ha ilnome che preferisci, visto che non è mai nominato :-) Comunque io vivo a Bologna, Emilia-Romagna.

  • Inserito il 22-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Questo libro l'ho pensato e scritto da solo. Altri invece li ho pensati e scritti insieme ai miei soci.

  • Inserito il 22-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Molto bene, gladiatore. Spero andrai avanti nonostante il piccolo spavento. Anche perché seguono parti ben più paurose. Almeno per me. E complimenti per il tuo passo da gigante. Federico (Wu Ming 4)

  • Inserito il 22-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sono contento che ti sia piaciuto, ARI. E' la seconda volta che qui si usa "inquietante" per definire il libro. Ti confesso che la cosa mi sta bene. ;-) Ciao.

  • Inserito il 22-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    I nomi dei ragazzi volevo che fossero originali, strani. Allora ne ho scelti tre antichi: uno latino (Julius), uno greco (Fedro), e uno celtico (Ariadne). Chi è il guerriero sulla copertina lo scoprirari leggendo, se te lo dico ti rovino il gusto di leggerlo. Ciao.

  • Inserito il 21-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Questo è rincuorante. Se ti è piaciuto nonostante i momenti inquitanti e quelli tristi, allora mi ritengo soddisfatto anch'io :-). Ciao, Fiore.

  • Inserito il 21-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ariadne è tostissima. E gli episodi con lo spettro facevano paura anche a me mentre li scrivevo. Ciao mimma!

  • Inserito il 21-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Nessun disturbo, Fiore. L'idea mi è venuta leggendo altri libri. In particolare "I bambini della ferrovia", "Il giardino segreto", "Il vento nei salici", "L'età d'oro"...e "Il giro di vite". Poi ovviamente ho preso spunto anche da cose che m i sono successe davvero. Ad esempio, mi è capitato davvero, da bambino, di scavare fuori dalla terra un guscio di tartaruga, nel giardino di mia nonna.

  • Inserito il 20-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Eschi. Tieni presente che quella che racconto nel romanzo non è la mia famiglia. In certe cose magari ci assomiglia un po', ma non troppo. E' solo uno stratagemma degli scrittori quello di scrivere come se le cose fossero accadute proprio a loro, dicendo "io dissi questo", "io andai da quella parte", eccetera. In questo modo i lettori si sentono molto vicini al protagonista della storia. Ma il più delle volte si tratta di storie inventate, ocme nel caso del Piccolo Regno. Sono molto contento che il libro ti sia piaciuto. E mi raccomando... massima attenzione agli orchi! :-)

  • Inserito il 20-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Se il finale non era come te lo aspettavi vuol dire che non è scontato, e questo già mi gratifica molto, Foxy. Non credo ci sarà una continuazione. Spero però di scrivere altre storie nello stesso stile, storie nuove, che raccontino di avventure di ragazzini. Vedremo.

  • Inserito il 20-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Speriamo che le risposte siano soddisfacenti! :-0

  • Inserito il 20-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    L'episodio del personaggio che esce dalla finestra della cucina, per esempio, mi è successo veramente. E' così che ho conosciuto per la prima volta quello che poi è diventato mio zio acquisito, cioè il marito di mia zia. E per me è stato un po' una specie di Ned. Per quanto riguarda gli aspetti più tristi della storia, mi sono venuti in mente pensando a due episodi, uno tragico e l'altro solo doloroso, che sono riassunti nella triplice dedica che puoi leggere prima dell'inizio del romanzo. La prima è per un mio amico. La seconda e la terza per i miei due figli, il primo dei quali ha avuto un incidente quando aveva sette anni. Adesso ne ha undici e sta bene, per fortuna, e suo suo fratello ne ha quasi quattro. Non dico di più anche per non rovinare la lettura agli altri... ;-)

  • Inserito il 20-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Da ragazzino ho passato svariate estati in vacanza con i miei e altre famiglie con figli della mia età. Di solito al mare, in campeggio. Poi c'era il gruppetto dei miei cugini e cugine, con il quale passavo lunghi pomeriggi nel cortile di nostra nonna... Be', penso che sia una cosa comune a quasi tutti i ragazzini, a prescindere dal luogo specifico. Io poi sono cresciuto figlio unico, quindi mi è riuscito facile immedesimarmi nel protagonista della storia.

  • Inserito il 20-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Federico

  • Inserito il 18-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Tranquilla, Betta, che non mi stufo a risponderti. Il libro che mi è piaciuto di più di quelli che ho scritto da solo (che poi sono soltanto due) è Il Piccolo Regno. Insieme ai miei amici ne ho scritti molti, ma non saprei dirti qual è il mio preferito. Comunque per te è presto per leggerli, suppongo. Tra qualche anno, magari, se ne avrai voglia, ne riparliamo. Ciao, WM4

  • Inserito il 18-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao zio moth. L'animale che compare a pag. 46 è nominato a pagina...47 :-), dove si parla di una donnola (e in effetti la descrizione coincide). A pag. 51 si legge "non era mai scontento di averci tra i piedi". Significa che accettava di buon grado il fatto che i ragazzi andassero a trovarlo molto spesso. Dici che la premessa per la gente alta non è un bel modo di iniziare un libro per ragazzi. Probabilmente hai ragione. E' per questo che l'ho chiamata così: "premessa per la gente alta", così se uno della gente bassa non ha voglia di leggerla può saltarla e iniziare il libro dal capitolo 1. Va bene lo stesso. Se invece uno è un adulto, magari gli interessa anche quella. Ciao. Federico (Wu Ming 4)

  • Inserito il 18-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ehi, yeti, grazie del commento. Però non è un guerriero azteco. E' un guerriero anglosassone. Comunque sempre un guerriero del passato, ecco. Lo spunto del libro mi è venuto leggendo altri libri che racontavano di cose che anch'io, come tutti, ho vissuto da ragazzino. Le avventure in campagna con gli amici o i cugini. E anche leggendo una storia di fantasmi.

  • Inserito il 17-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Lo spero anch'io, kevin! Ciao, Federico

  • Inserito il 17-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie mille, chitarra16. A presto, Federico

  • Inserito il 17-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', essendo il primo dei cinque che leggi è presto per dire se è uno dei migliori. Magari gli altri quattro ti piaceranno molto di più! :-)

  • Inserito il 17-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Cristofer. La storia è immaginaria. In certi punti è ispirata a cose successe veramente, ma poi le ho mescolate in una trama di mia invenzione. Buona lettura. Federico

  • Inserito il 17-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Wow. Grazie, Fiore. Spero che il romanzo non deluda le tue aspettative. Fammi sapere qualcosa quando l'hai finito. Federico

  • Inserito il 17-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao computer (spero tu non lo sia veramente!). Sinceramente non saprei dirti se l'inventiva per scrivere una storia dipenda dalla quantità di studio e di letture. Certamente più storie leggi più hai materiale su cui ragionare e più viene stimolata la tua immaginazione. Però non è mica detto che ti venga fuori una storia "così coinvolgente", come dici tu. Per la mia esperienza posso dirti questo: una buona storia di solito è un frullato di storie che hai incontrato (in un libro, a teatro, in un film, in una chiacchierata) e storie che hai vissuto.

  • Inserito il 17-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sì, certo, Betta. E' un bambino che, una volta diventato grande e dopo aver vissuto una vita lunghissima ed essere diventato vecchio, ricorda quello che gli successe in un'estate di quando era bambino, tanti anni prima. Il suo nome non viene mai detto, quindi puoi chiamarlo come vuoi. Io nella mia testa l'ho sempre chiamato Christopher, o Chris...

  • Inserito il 17-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao foxy. Ovviamente è la domanda che mi stanno facendo tutti qui, ed era prevedibile. Copioincollo la risposta che ho dato qualche giorno fa in questo thread: "Devi sapere che spesso io scrivo insieme ad alcuni miei amici e allora per non dover mettere tutti i nomi in copertina ci siamo scelti uno pseudonimo, un nome d’arte, insomma, come le rock band. Wu Ming. Che in cinese significa senza nome, anonimo. Però quando scriviamo da soli, per distinguerci ci aggiungiamo il numero: Wu Ming 1, Wu Ming 2… io sono Wu Ming 4. Capito?

  • Inserito il 17-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao neve. L'ispirazione per l'ambientazione l'ho trovata in alcuni romanzi per ragazzi pubblicati in Inghilterra circa un secolo fa. Avevano proprio quell'ambientazione: la campagna inglese, le scorribande di ragazzini, le avventure nel bosco, eccetera. Ma anche in qualche romanzo di fantasmi, dello stesso periodo o di poco precedente. Per la vicenda del protagonista invece l'idea mi è venuta in seguito a un incidente che ha avuto qualche anno fa il mio primo figlio, che adesso ha undici anni e per fortuna sta più che bene. A presto, Federico (Wu Ming 4)

  • Inserito il 17-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Grazie gio, dell'incoraggiamento. E stai attento che prima o poi non lo troviate davvero un tumulo, tu e i tuoi fratelli e cugini... Non si sa cosa può saltarne fuori! ;-)

  • Inserito il 14-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    E buona guarigione, eh...

  • Inserito il 14-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    "Quando leggo mi sembra di essere uno dei personaggi dentro nell’avventura". Ecco, questo è quello che ogni scrittore di storie d'avventura vorrebbe sentirsi dire. Sono molto contento che il libro ti piaccia. E anche a te rispondo su Wu Ming rimandanto a un paio di commenti più sotto. Ciao.

  • Inserito il 14-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Sì, sportiva, aspetta almeno di arrivare all'inizio della seconda parte. Se a quel punto la storia non ti prende proprio... allora puoi rassegnarti :-) Wu Ming 4 è il mio nome d'arte. Ho risposto a un commento qui sotto spiegando perché ho questo pseudonimo strano.

  • Inserito il 14-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Devi sapere che spesso io scrivo insieme ad alcuni miei amici e allora per non dover mettere tutti i nomi in copertina ci siamo scelti uno pseudonimo, un nome d'arte, insomma, come le rock band. Wu Ming. Che in cinese significa anonimo. Però quando scriviamo da soli, per distinguerci ci aggiungiamo il numero: Wu Ming 1, Wu Ming 2... io sono Wu Ming 4.

  • Inserito il 14-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    In che senso "strano"? Dico così per curiosità, sai, perché poi mi dici "bravissimo" e potrei già esserne felice... :-)

  • Inserito il 14-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Bene, spero che tu l'abbia finito e che il finale non le abbia deluse quelle aspettative! Ciao.

  • Inserito il 09-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Hai ragione, giramondo, forse il finale è un po' triste. O forse è triste perché è il finale :-) Grazie anche a te del commento.

  • Inserito il 09-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Be', è un commento telegraficamente efficace...e rincuorante. Grazie! Federico (Wu Ming 4)

  • Inserito il 09-11-2016 per il libro Il piccolo regno – una storia d’estate

    Ciao Mery. Ritengo sia un sacrosanto diritto di ogni lettore e lettrice mollare un libro che non lo/la entusiasma. Se però vuoi concedere una possibilità al romanzo, allora il consiglio che ti do è di arrivare almeno all'inizio della seconda parte. Se nemmeno la seconda parte ti acchiappa, allora penso che tu possa lasciarlo andare senza rimpianti. Grazie del commento. Federico (alias Wu Ming 4)